La Serie A 2020/2021 si prepara alla partenza e alla ricerca della normalità

0
518
serie a logo

Dopo l’intenso e inedito campionato d’estate dovuto allo stop forzato nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio per via della diffusione della pandemia da Coronavirus, le squadre di Serie A hanno ricominciato gli allenamenti presso le sedi dei ritiri prescelti.

La curiosità sulla stagione ‘20/21 è altissima visti anche i colpi di scena a cui abbiamo assistito nelle scorse settimane. Primo su tutti quello della nomina di Andrea Pirlo come allenatore della Juventus a seguito dell’esonero di Sarri, arrivato dopo l’eliminazione dalla Champions League ad opera del non irresistibile Lione.

Molta curiosità c’è anche per capire se Ciro Immobile riuscirà a ripetere la straordinaria stagione dopo la conquista del titolo di capocannoniere in Serie A ma anche della Scarpa d’Oro, il premio destinato al giocatore che ha realizzato più reti nei campionati europei. Ricordiamo che nella prossima stagione la Lazio avrà l’importantissimo impegno della Champions League, dalla quale manca dall’annata  2007/2008.

Inizio campionato di Serie A e sorteggi

L’inizio della stagione 2020/2021 è previsto per il 19 Settembre ma, ad oggi, non si conosce ancora esattamente quando e come verranno effettuati i sorteggi per il calendario. Per ora si parla del 1 Settembre come ipotetica data, ma si vocifera anche di un cambio nel formato della cerimonia: non verrà più trasmessa in diretta TV dagli studi di Sky ma solo sul sito della Lega e, molto probabilmente, sui suoi canali social.

Squadre Serie A 2020/2021

Il 20 agosto si sono conclusi i playoff di Serie B decretando così la squadra numero 20 che prenderà parte al massimo campionato italiano: lo Spezia. I liguri parteciperanno così per la prima volta al campionato di Serie A dopo 114 anni di storia.

Ecco tutte le squadre che parteciperanno alla Serie A 2020/2021:

  1. Atalanta
  2. Benevento (neopromossa)
  3. Bologna
  4. Cagliari
  5. Crotone (neopromossa)
  6. Fiorentina
  7. Genoa
  8. Inter
  9. Juventus (Campione d’Italia)
  10. Lazio
  11. Milan
  12. Napoli (Vincitore Coppa Italia)
  13. Parma
  14. Roma
  15. Sampdoria
  16. Sassuolo
  17. Spezia (neopromossa)
  18. Torino
  19. Udinese
  20. Verona

Scommesse sportive Serie A 2020/2021

Con l’avvicinarsi del ritorno in campo delle squadre, anche coloro che amano le scommesse sportive stanno facendo “i compiti” per provare a predire l’andamento del prossimo campionato.

Le prime scommesse che verranno piazzate saranno sicuramente quelle su quale formazione diventerà Campione d’Italia 2020/2021. Ovviamente, dopo 9 anni di predominio, la Juventus è la strafavorita con quote che oscillano tra 1.70 e 1.85; a seguire c’è l’Inter, del riconfermato Antonio Conte, che oscilla tra 3 e 3.20. Seguono poi Lazio e Napoli dove le oscillazioni sono molto più ampie e si potrebbe vincere tra le 12 e le 23 volte l’investimento iniziale.

Altre scommesse da poter piazzare subito sono quelle su chi scenderà in Serie B al termine del campionato. Le neopromosse (Benevento, Crotone e Spezia) sono le squadre con le quote più basse (tra 1.30 e 1.75) ma attenzione perché anche il Genoa viene data tra le papabili, con quote che oscillano tra 2.2 e 2.5, vista la salvezza arrivata all’ultimissima giornata nello scorso campionato.

Le speranze degli addetti ai lavori per la prossima stagione

Come già detto, la Serie A cerca di ritrovare la normalità dopo le difficoltà della passata stagione e le inevitabili conseguenze del campionato estivo che hanno costretto gli addetti ai lavori ad apportare importanti modifiche al campionato che verrà:

  • Lo slittamento della sessione del calciomercato (dal 1 Settembre al 5 ottobre)
  • L’inizio e la chiusura del campionato (come anticipato prima, inizierà il 19 settembre per concludersi – in teoria – il 23 maggio)
  • L’inserimento di 5 turni infrasettimanali (per poter recuperare il tempo perso tra fine agosto e inizio settembre)
  • Ma anche, buttando un occhio al calcio internazionale, l’organizzazione dell’impegno della Nazionale Italiana per il prossimo Campionato Europeo, il primo in forma itinerante senza quindi una location specifica, che si sarebbe dovuto tenere nel giugno di quest’anno ma che, inevitabilmente, è  stato posticipato di un anno.

Insomma, i vertici del calcio italiano continuano a tenere sott’occhio il percorso della curva dei contagi da covid-19 sperando che l’autunno prima e l’inverno poi, e la conseguente stagione influenzale, non portino il Governo ad arrivare all’attuazione di decisioni drastiche come quelle giustamente prese a partire del 9 marzo scorso.

Nel caso in cui si dovesse giungere ad un nuovo lockdown, non siamo sicuri che ci sia modo di recuperare la stagione come successo per quella 2020/2021.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here